Digitando, digitando... (clicca per tornare alla pagina precedente...)

Articolo pubblicato su www.digiTANTO.it - per ulteriori informazioni clicca qui


Digitando, digitando... n. 36/2023 del 24.03.2023

Apertura

RPN vs SOA: chiacchiere da bar?

Il mondo delle calcolatrici programmabili, sin dal suo nascere ha sempre visto due distinte tifoserie, con agguerriti fans che se le davano di santa ragione.

di Andrea de Prisco

Le calcolatrici RPN, acronimo di notazione polacca inversa, erano tenacemente spalleggiate da Hewlett Packard mentre le calcolatrici SOA, Sistema Operativo Algebrico, erano sponsorizzate da Texas Instruments. In anni ed anni di mercato e decine se non centinaia di differenti modelli venduti, inutile dire - come spesso capita in queste diatribe - che non è mai stato decretato un vincitore, ovvero quale fosse tra SOA ed RPN lo standard migliore. Con il primo, il Sistema Operativo Algebrico, era/è possibile inserire qualsiasi espressione secondo le regole e i simboli comunemente usati nell'algebra, quindi parentesi, operatori ecc., nel secondo caso bisogna(va) eseguire a mente una pseudo-conversione - che una volta presa la mano diventava del tutto automatica - prima di inserire l'espressione da valutare.

Ma non erano forze sprecate: a vantaggio del secondo metodo si otteneva un considerevole risparmio di battute per raggiungere il risultato. In altri termini, l'energia «mentale» impiegata non andava dunque dispersa.

Sì, ma di che stiamo parlando? Facciamo un esempio.

Per valutare l'espressione:

(45+12)x(43-27)

con una calcolatrice SOA non bisogna far altro che digitare esattamente quello che leggiamo, parentesi incluse, e premere l'uguale. Fine.

Viceversa, con una calcolatrice RPN la sequenza da digitare sarà:

45↑12+43↑27-x

e in effetti sembra proprio arabo e non per i numeri in sé...

Calma!

Le calcolatrici RPN lavorano utilizzando un insieme di registri che costituiscono la cosiddetta catasta operativa. In pratica un buffer LIFO (Last In First Out) assimilabile a una pila di piatti: ovviamente l’ultimo impilato sarà il primo da prendere… se non vogliamo combinare un disastro!

Per effettuare una qualsiasi operazione a due operandi (come una somma, moltiplicazione, ecc.) è necessario inserire in catasta i due operandi, tenendo conto che il numero visualizzato sul display ne fa sempre parte (corrisponde al piatto in cima alla pila per tornare all’esempio precedente) e solo dopo effettuare su questi l'operazione richiesta.

45↑12+ equivale a «digita 45; spingilo nella catasta; digita 12; esegui la somma» (risultato che viene visualizzato e quindi fa parte esso stesso della catasta). Il successivo 43↑27- sta per «digita 43; spingilo nella catasta (attenzione: il risultato precedente non viene perso, semplicemente sale di un livello); digita 27; esegui la sottrazione».

A questo punto abbiamo nella posizione più in cima della catasta il risultato dell’ultima sottrazione, in quella subito sotto il risultato della somma di prima: ne abbiamo abbastanza per eseguire anche la moltiplicazione finale (digitando x inteso come operatore di moltiplicazione) e ottenere il valore finale dell’intera espressione.

Sembra più difficile, ma non lo è. Soprattutto considerato che il modo di eseguire i calcoli con una «macchinetta» RPN è esattamente lo stesso con cui avremmo calcolato a mano l'espressione di cui sopra. Chiunque, carta e penna alla mano (o mentalmente), avrebbe effettuato prima la somma, poi la sottrazione, moltiplicando infine i due risultati parziali ottenuti. Ribadendo peraltro, cosa sempre rinfacciata dai sostenitori RPN, che si è ottenuto il risultato agendo su un numero inferiore di tasti.

So’ soddisfazioni…

 

 


 

A sinistra l'HP 67, al centro la SR-52, a destra la TI-59. Tutt'e tre potevano registrare i programmi su apposite schedine magnetiche.

 


 

Gruppo di due famiglie in un interno.

 


 

La Prime G2 è l'ultima calcolatrice proposta da HP pochi anni fa e la sua "freschezza" è ben evidente, come visibile dal display a colori grafico "touch". Peraltro dalle impostazioni si può scegliere se utilizzarla come RPN o SOA, con buona pace delle due "tifoserie".

 



 

:-)

 


Articolo pubblicato su www.digiTANTO.it e su Facebook. Per ulteriori informazioni clicca qui