Editoriale pubblicato sul n. 1 di PC imaging (Edizioni Pluricom - Roma) nel novembre 1999

PC imaging


Nel mezzo del cammin...

di Andrea de Prisco

Beh, non cominciamo, subito-subito, ad esagerare! Anche se non riesco ad escludere categoricamente che si tratti di una consueta, quanto salubre in alcuni casi. botta Copertina del numero di PC imaging contenente l'articolodi megalomania. Fatto sta che le prime parole scritte su PC imaging, al di lÓ della spiritosa citazione in sÚ. ben poco hanno a che fare, e ci mancherebbe altro!, con quelle del Sommo Poeta.

In questo caso il "cammino" Ŕ quello della fotografia digitale. giÓ iniziato da alcuni anni, e arrivato orami ad un punto di soddisfacente maturazione per tutti, utenti e produttori di hardware e software.

Diversamente dal (recente) passato, oggi, per cavalcare l'onda della fotografia digitale, non servono pi¨ investimenti proibitivi. Pi¨ o meno con la stessa cifra, rivalutata, che qualche anno fa si era ben disposti a spendere per una attrezzatura fotografica amatoriale oggi Ŕ possibile trasformare il nostro grigio PC in una stazione di trattamento digitale delle immagini, con tanto di stampante a colori fotorealistica, film scanner per l'acquisizione di negativi e diapositive, non senza un adeguato software di fotoritocco attingendo dal variegato parco di prodotti disponibili in ambito amatoriale e professionale.

Parallelamente. ed Ŕ questa novitÓ degli ultimi mesi, stanno finalmente arrivando sul mercato. a prezzi ragionevoli. le prime fotocamere digitali (dotate di sensore CCD da 2-3 milioni di pixel) in grado di fornire risultati quantomeno soddisfacenti per chi si occupa di fotografia (tradizionale) da tempo e non Ŕ. giustamente, disposto a scendere a troppi compromessi solo nel nome della corsa sfrenata al digitale a tutti i costi.

Nel cammino tecnologico della fotografia digitale siamo giunti a un punto interessante. Finora siamo stati trattati, dai produttori (o quantomeno da alcuni) come vere e proprie cavie per i loro esperimenti. Ci siamo dovuti sorbire, in pi¨ d'una occasione, prodotti dal costo elevato e dalle capacitÓ fin troppo limitate. Ma la musica Ŕ cambiata: lungi dall'essere, tale cammino tecnologico. concluso Ŕ giunto il momento di mettere i piedi per terra ... e iniziare a volare. A volare nell'affascinante mondo dei "bit colorati", ora che tale possibilitÓ Ŕ finalmente offerta a tutti. Ripetendomi, senza scendere a compromessi.

AdP

PS: Qualora non si fosse capito. PC imaging Ŕ la prima rivista di informatica (o, per essere al passo coi tempi e con le mode. di Information Technology) interamente, e sottolineo interamente, dedicata alla fotografia digitale. Pensata. maturata. mantenuta in pectore per ben cinque anni (la prima voglia matta mi venne di ritorno dalla Photokina del 1994!) ma, questo Ŕ l'importante, finalmente nata!

Su queste pagine parleremo di hardware, parleremo di software. certo, ma soprattutto spiegheremo COME utilizzare al meglio tutta la tecnologia disponibile per ottenere il meglio del meglio per le nostre immagini digitali. Questo sia da utenti appassionati, amatorialmente interessati alla fotografia digitale, sia nel caso in cui ci muoviamo professionalmente in questo affascinantissimo campo.

Inutile aggiungere, come in ogni "numero uno" che si rispetti, che siamo giÓ sintonizzati sulle vostre impressioni e attendiamo impazienti i vostri commenti o le vostre critiche. Questo, come sempre. per migliorare il pi¨ possibile il prodotto, secondo le aspettative dell'utente. In questo caso voi lettori. Un grazie a tutti e buona lettura!


Impaginato originale...


 

Clicca per ingrandire...


Articolo pubblicato su www.digiTANTO.it - per ulteriori informazioni clicca qui